ATTIRARE L’ATTENZIONE DELL’AZIENDA CON IL TUO CV? SI PUÒ!

ATTIRARE L’ATTENZIONE DELL’AZIENDA CON IL TUO CV? SI PUÒ!

La stesura del curriculum, soprattutto quando si è alle prime armi, può essere più difficile che farti venire un’idea per scrivere un best seller!

In media, chi ha il compito di leggerlo ti dedicherà sei secondi (o meno). Quindi, la soluzione è cercare di attirare l’attenzione fin da subito, in modo che lo leggano integralmente ed arrivi, in qualche modo, nelle mani di chi deve assumerti. Ciò significa, potenzialmente, avere una chance per ottenere il lavoro che tanto desideri.

Se,invece, nei primi sei secondi di attenzione che ti viene dedicata il tuo CV non piace, probabilmente lo lasceranno in fondo alla pila e le tue possibilità di essere assunto scenderanno, ahimè, a zero.

La chiave di successo è, a questo punto, scrivere un curriculum che ti metta in sintonia con il recruiter fin da subito superando a pieni voti il test dei ‘primi sei secondi’.

Come fare?

     1. Dimostralo, non stare a spiegarlo a parole.

Non scrivere, per esempio, che “sei strategico, innovativo ed intraprendente”, è qualcosa che farà stancare il tuo recruiter perché lo avrà letto in altre centinaia di curriculum. Cerca, piuttosto, di raccontare ciò che fa la differenza: scrivi come hai lanciato un tuo progetto, come hai creato la tua attività, se sei stato promosso ad un ruolo superiore in tutti i lavori che hai fatto prima.

Questi fatti impressioneranno più di qualsiasi aggettivo tu inserisca nel tuo CV!

      2. Elenca le tue capacità all’inizio del CV

All’inizio del tuo curriculum, ancora prima del tuo trascorso lavorativo, scrivi le tue skills! Questo permetterà a chi deve assumerti di verificare alla svelta se possiedi i requisiti necessari per quel lavoro

      3. Tieni i margini ampi e il font grande

I margini del documento non devono essere più piccoli di 2 centimetri e la grandezza del font non deve essere meno di 11.

Il motivo? Prima di tutto questo renderà il tuo CV più accattivante e, poi, l’ultima cosa che vorrà fare chi lo legge è dover strizzare gli occhi per cercare di capire cosa c’è scritto.

      4.  Meno significa più

Sul tuo CV non hai bisogno di elencare tutti i singoli lavori che hai fatto e nemmeno tutte le capacità che hai ottenuto nel corso del tempo. Inserisci i lavori e le skills che consideri rilevanti per il lavoro per cui ti stai candidando.

 

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.