COSA PUÒ FARE IL SETTORE HR PER SVILUPPARE L’INNOVAZIONE AZIENDALE?

Da sempre parliamo di quanto l’innovazione sia fondamentale per lo sviluppo e la durata di un’azienda, ma quali sono i fattori che permettono al settore HR di dare una spinta innovativa all’azienda? Sicuramente rinnovare è sinonimo di contribuire alla competitività aziendale e nel fare ciò gli HR hanno un ruolo fondamentale.

Generare idee nuove è un fattore che può contribuire alla sopravvivenza a lungo termine dell’impresa: infatti, un ambiente che supporta la creatività può portare all’aumento dell’engagement degli impiegati che, avrà immediate conseguenze sull’employer branding.

Per questi motivi, il settore HR riveste un ruolo fondamentale nel creare una cultura aziendale innovativa. Si possono individuare, dunque, alcuni step fondamentali che possono aiutare l’impresa in questa direzione:

  1. CAPIRE IL PROCESSO INNOVATIVO

Il primo passaggio è quello di capire effettivamente in cosa consiste il processo di innovazione, il quale ha come punto di partenza il brainstorming. Alla base del processo è necessario assicurarsi che i “leader” dell’azienda abbiano aspettative esatte su ciò l’innovazione potrebbe offrire. Lo stesso ragionamento vale per i dipendenti, i quali devono riuscire a comprendere che ruolo abbia il processo all’interno del contesto aziendale e perché sia importante perseguire una cultura innovativa.

Gli HR, dal loro lato,  hanno il compito di stabilire obiettivi quantitativi e di stanziare le risorse adatte che permettano di raggiungerli; inoltre, dovrebbero accogliere i feedback provenienti dai clienti e coinvolgere gli stakeholders nello sviluppo di nuove strategie che incontrino i bisogni del business.

  1. ASSUMERE IN MANIERA MIRATA

Un’altra cosa che può essere d’aiuto per promuovere una cultura innovativa è quella di assumere le persone adatte. Il consiglio qui riguarda il fatto di concentrarsi sulle soft-skills del candidato, invece che esclusivamente sulle competenze e le esperienze. Le competenze specifiche del lavoro possono sempre essere insegnate, mentre ciò che può dare un valore aggiunto all’azienda sono le capacità del candidato di innovazione, collaborazione e gestione del cambiamento.

  1. CREARE SPAZI APPOSITI

Creare all’interno dell’azienda aree dedicate che permettano ai dipendenti di svagarsi e allontanarsi dal loro ambiente di lavoro quotidiano e che stimolino l’interazione faccia a faccia può essere vitale. Il fatto di riunirsi in gruppi e discutere di come sviluppare nuove idee è reso possibile da alcuni  fattori guida:

  • Scambio interpersonale = è proficuo nel momento in cui c’è un forte senso di coesione in tutta l’azienda e i dipendenti si sentono come se stessero tutti giocando per la stessa squadra.
  • Stimolazione intellettuale che guidi i dibattiti
  • Sfide: i lavoratori sentono che il loro lavoro è impegnativo, complesso e interessante ma, allo stesso tempo, non eccessivamente stressante.
  • Flessibilità e assunzione di rischi: l’impresa è ben disposta a correre rischi e ad affrontare l’incertezza che , però, tendono ad andare di pari passo con l’innovazione.
  • Supporto da parte dei manager: i dipendenti considerano il top management come un supporto per nuove idee.

 

  1. FORMAZIONE DEI LEADER

È importante che chi si trova alla guida dell’azienda sia formato sul processo creativo e su come essere un buon ascoltatore. La tendenza standard è quella di formare i leader a minimizzare il rischio, mentre ciò che è realmente utile è necessario essere aperti al rischio e all’ambiguità.

  1. L’INNOVAZIONE PUÒ PROVENIRE DA CHIUNQUE

Tutte le idee più brillanti provengono da chi in azienda si occupa quotidianamente di clienti, fornitori, prodotti e servizi. Affinché un’azienda possa trarne vantaggio, i dipendenti senior devono avere una mentalità aperta nei confronti delle loro controparti junior evitando di mettere a tacere le idee provenienti dai dipendenti meno esperti, consentendo un dialogo aperto.

  1. CONDIVIDERE STORIE CREATIVE

Le storie riguardanti l’azienda possono diventare parte importante  della memoria aziendale stessa. Ciò che i dipendenti raccontano dell’azienda sono le “storie” che, maggiormente, contribuiscono a creare l’identità aziendale. È importante scegliere “razionalmente” quali storie raccontare nei case studies o nelle newsletter: queste narrazioni devono essere storie di creatività che permettano ad altre aziende di prendere ispirazione per costruire “racconti di innovazione”. Una delle cose importanti è quella di non temere di raccontare anche storie di fallimento, consapevoli del fatto che  quest’ultime possono diventare opportunità.

 

 

Vittoria

Vittoria

Studentessa di Linguaggi dei Media all'Università Cattolica di Milano, aspirante copyrighter. Passione per i libri, la scrittura, l'arte e il design unito a creatività, volontà di indipendenza.