La rivoluzione digitale sta intaccando qualsiasi settore trasformando in estremamente semplici  attività che prima parevano impensabili. Stiamo parlando, in particolar modo, della smart mobility: si tratta di una mobilità tecnologica riguardante diversi settori tra cui le infrastrutture e la tecnologia. Questo tipo di “esperienza” sembra rivoluzionare e migliorare la vitaCONTINUA

Se “il cliente ha sempre ragione”, lo stesso ragionamento vale nell’ambito della comunicazione. Il concetto di centralità, attenzione e cura del cliente è ciò che guida la logica bottom – up che da alcuni anni ha preso piede. Ciò che stanno facendo le aziende è adottare una visione customer –CONTINUA

Con un’apposita sezione dedicata, anche Regione Lombardia riconosce l’importanza di fare ricerca e innovazione “promuovendo la circolazione dell’informazione, la conoscenza sulle competenze e la generazione di idee progettuali concrete a livello regionale, nazionale e internazionale, interfacciandosi con le principali reti e servizi di supporto all’innovazione su scala globale”. Insomma, anche Regione Lombardia sembra porsiCONTINUA

Tra le aziende in gioco per sviluppare progetti indirizzati all’open innovation troviamo anche Unilever, multinazionale olandese-britannica includente 400 marchi tra i più diffusi nel campo dell’alimentazione, bevande, prodotti per l’igiene e per la casa. Nel sito ufficiale della multinazionale si legge che l’azienda “si immagina un futuro migliore sia perCONTINUA

Oggi vi parliamo di innovazione in ambito medico/sanitario, in particolar modo di General Electric Healthcare, divisione medicale della multinazionale statunitense General Electric (fondata nel 1892 e attiva nell’ambito della tecnologia e dei servizi). Infatti, GE Healthcare nel 2016 ha dato vita a five.eight, il  suo primo acceleratore in ambito medicoCONTINUA

Finora abbiamo cercato di dare un quadro generale, a metà tra il teorico e il pratico, del paradigma dell’OI. Oggi vogliamo andare ancora più nel dettaglio e indagare quali sono stati i ‘case studies’ di successo che hanno reso la collaborazione tra le imprese e l’ambiente esterno un’accoppiata vincente perCONTINUA

Come abbiamo visto negli articoli precedenti, il modello di open innovation, attraverso la collaborazione con startup,università, enti di ricerca sembra mettere in primo piano la figura dei giovani e degli studenti. Infatti l’OI rappresenta, come concetto e come processo, uno strumento importante che sottolinea l’importanza dell’interazione tra educazione, ricerca edCONTINUA

Finora abbiamo parlato di open innovation in maniera teorica, oggi vogliamo provare a stabilire quali sono i criteri per trasferire la teoria in pratica. Per lanciare la propria strategia di OI le aziende dovrebbero: Determinare le debolezze e le forze dell’attuale tentativo di innovazione interna Identificare le aree di businessCONTINUA

Come abbiamo detto nell’articolo introduttivo, la base per la messa in pratica del modello di open innovation consiste nel “muoversi verso l’esterno”, nel collaborare con risorse provenienti dall’ambiente che sta fuori dall’azienda. Tenendo presente ciò, una collaborazione che potrebbe risultarvi estremamente utile per portare la vostra impresa verso l’innovazione èCONTINUA